Garda + Gardaland + Alpi in Austria


In vacanza con Mamma e Papà…che goduria, quanti posti stupendi, quante nuove esperienze fra le meraviglie e i colori del lago di Garda e le montagne austriache!
E questa volta, oltre al solito album fotografico di Argentario, Lago di Garda e montagne austriache (sperando sia sempre gradito), scrivo anche una specie di diario di viaggio che penso sia comodo anche a chi volesse prendere spunto per una vacanza con bambini.

Bene, eccovi un breve racconto, per i dettagli chiedete pure nei commenti:

  1. Poche foto per la prima settimana all’Argentario, in un residence vicino Talamone: fra mare, sabbia, schizzi d’acqua in piscina, la fotocamere è rimasta quasi sempre nella sua sacca. Ricordo però con grande piacere una bellissima gita a cavallo di quasi 2 ore, su un cavallo grandissimo in sella coma mamma Chiara!
  2. Partiamo sabato mattina presto alla volta di Bardolino sul Garda, con la coupè di casa (BMW 330 CD) per confermarne definitivamente le prestazioni, il basso consumo e non ultima la capienza del portabagagli (basso ma lungo)
  3. fermandoci ogni ora arriviamo comunque all’ora di pranzo a Peschiera del Garda e già ci accorgiamo che in giro ci sono almeno il 60% di tedeschi, un 20% di stranieri di varie nazionalità e solo il restante 20% di vacanzieri italiani. 🙂
  4. il piccolo albergo a Bardolino, subito sotto Garda, ha solo 2 stelle ma…non è male come dimensioni della stanza e ha un bel terrazzino arredato. Costo limitato…qualità generale, pulizia e colazioni anche…ma non si può avere tutto per 75€ di tripla
  5. passiamo qui 3 notti, mangiando nei ristoranti di Lazise e Bardolino la sera e a pranzo dove capita, visitando alcune spiagge sul lago di Garda, lo zoo safari e soprattutto Gardaland
  6. Gardaland, appunto…un bel posticino dove trascorriamo diverse ore la domenica pomeriggio/sera, cercando di sfruttare cioè le ore meno calde. Almeno la metà delle attrazioni mi è preclusa, purtroppo: per l’età ma soprattutto per i cm, infatti l’altezza minima in molte sono i 110 cm (e io sono alto 105…) oppure 130 cm e comunque almeno 8 anni di età.
    Un paio invece prevedevano di inzupparsi ben-benino…e le abbiamo dovute evitare perchè bagnarsi la sera verso le 8 senza un cambio non ci è sembrata un’idea saggia. 🙂
  7. Da Bardolino, un martedì mattina, siamo partiti per l’Austria lungo l’A22 che passa dal Brennero. In meno di 3 ore eravamo al confine con la Germania, a Reutte, subito sotto Fussen, dove inizia la strada dei castelli della Baviera.
  8. abbiamo dormito proprio a Reutte, in un economica pensione da ben 44€ a notte, con stanza minima ma colazione abbondante. Poteva andare meglio…per i miei genitori, perchè invece io ho dormito comodamente in mezzo a loro, nel lettone…visto che il posto per il terzo letto proprio non c’era! 🙂
  9. visita a giardini e interni del castello Linderhof di Ludwig II (si trova a Ettal ed è il più piccolo dei tre castelli di Ludwig)
  10. “vista” solo dall’esterno del meraviglioso castello di Neuschwanstein…da una bella posizione: un parco giochi con pista da bob estivo (su rotelle, quindi)!
  11. dopo 3 notti siamo andati a goderci la seconda parte della vacanza, una comoda settimana a Seefeld, nel Tirolo austriaco, una specie di Cortina austriaca…con tanto di Casinò (e perchè altrimenti mio padre avrebbe scelto proprio Seefeld?). Qui abbiamo incontrato le famiglie dei miei 2 zii, con relative 2 cuginette e quindi la compagnia era assicurata!
  12. Passeggiata di 3,5 km nel particolare sentiero dei folletti, nella gola Leutascher Geisterklamm, che ha la particolarità di avere 1,5 km di percorso “sospeso” sopra la profonda gola, con il fiume proprio sotto i nostri piedi…da brivido per chi soffre di vertigini…da brivido anche per tutti gli altri!
  13. nella settimana a Seefeld ho imparato a giocare con il frisbee con mio padre ma soprattutto abbiamo fatto tante belle passeggiate nel bosco, a cogliere fragoline e mirtilli selvatici, mangiando sull’erbetta in simpatici pick-nick fra le mucche, con mio padre quasi sempre con la sua macchina fotografica Nikon al collo. 🙂

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *